Disturbi dopo aver smesso di fumare

Disturbi dopo aver smesso di fumare

Hai detto da poco addio alla sigarette? Allora sappi che possono presentarsi dei disturbi dopo aver smesso di fumare. Ciò è normalissimo: quando si fuma, ci si abitua ad assumere una certa quantità di nicotina al giorno e nel momento in cui si dice stop, il nostro organismo, oltre che la mente, continua a desiderare in modo irrefrenabile questa sostanza.

Tuttavia, non preoccuparti: questi sintomi, oltre che normali, sono del tutto passeggeri e vanno semplicemente tenuti sotto controllo per evitare ricadute o passi indietro nella propria personale lotta al tabagismo.

Detto ciò, quali sono questi disturbi dopo aver smesso di fumare? Leggi questa guida per scoprirlo.

Crisi di astinenza dopo aver smesso di fumare

È probabilmente la situazione più comune e si presenta il più delle volte dopo circa 24 ore dalla cessazione o riduzione del fumo. I sintomi più frequenti sono ansia, irrequietezza, mancanza di concentrazione, frustrazione ed irritabilità. Queste sensazioni sono dovute principalmente alla nicotina, una sostanza di cui il corpo umano è particolarmente sensibile. Le cellule cerebrali del cervello, infatti, si abituano alla sua presenza e scatenano queste reazioni fisiologiche nel momento in cui ne avvertono l’assenza nell’organismo. La crisi d’astinenza da nicotina si manifesta in particolar modo nei fumatori incalliti e con sintomi ben più gravi ma può presentarsi anche per i fumatori poco frequenti. Questa sensazione di malessere perdura per circa 2-3 settimane (definito anche il periodo più acuto): solo dopo cominciano a presentarsi notevoli miglioramenti come cali d’ansia, migliore respirazione e ridotta esigenza di fumare. Per fronteggiare la crisi d’astinenza, oltre che armarsi di grande pazienza e forza d’animo, è possibile provare a distrarsi, mangiare una gomma da masticare per allontanare il desiderio di fumare, praticare sport per tenere occupata la mente, mangiare qualcosa o, nei casi più gravi, assumere dei medicinali a base di nicotina per tenere a freno l’urgenza del fumo (ovviamente sotto prescrizione medica).

Smettere di fumare fa ingrassare?

È uso comune pensare che smettere di fumare faccia inesorabilmente ingrassare. Ebbene, se succede si parla comune di pochi chili (massimo 5) facilmente eliminabili. Ma perché si ingrassa dopo aver detto addio alla sigaretta? Per tre ragioni fondamentali: innanzitutto si ha più appetito, poi si tendono a consumare cibi piuttosto grassi e zuccherati un po’ più spesso del solito ed in ultimo, perché si è abbandonato la sigaretta che già di per sé tende a bruciare molte calorie (anche se poi fa altri danni all’organismo). Ovviamente evitare di ingrassare si può: basta solo fare un po’ di attività fisica e successivamente una dieta sana. Tuttavia, il nostro consiglio è quello di pensare sempre ad un problema per volta: meglio dire prima stop al fumo e solo dopo occuparsi della propria condizione fisica.

Dispnea o “fame d’aria”

La dispnea è un sintomo di una respirazione difficoltosa ed in gergo comune viene chiamata “fame d’aria”. Può essere paragonata all’affanno e si manifesta o nel momento in cui si compie in ingente sforzo fisico o all’improvviso. In questo ultimo caso, può essere sintomo di una patologia un po’ più seria come asma, AIDS e così via. È possibile che si presenti anche dopo aver smesso di fumare poiché la dispnea può essere il risultato anche di grossi stati d’ansia e di stress. Ovviamente per poter trattare la patologia, è bene sempre affidarsi ad un medico, al fine di scegliere percorso migliore per te.

L’astinenza da nicotina causa insonnia

Anche l’insonnia è tra i più comuni sintomi dopo aver smesso di fumare. La causa è sempre la stessa: la nicotina. Questa sostanza, infatti, quando è assunta, stimola i centri nervosi del piacere e ne facilita il nostro rilassamento. Nel momento non la ingeriamo più si incrementa uno stato di malessere che ci impedisce di rilassarci e quindi di addormentarci. Un rimedio per per vivere meglio e per aumentare le probabilità di dormire è sicuramente la valeriana, una pianta rilassante e che al contempo aiuta anche ad espellere la nicotina dai polmoni. Basta solo acquistare delle tisane apposite oppure procurarsi delle compresse alla valeriana in farmacia. In questo modo, sarà più semplice dormire ma soprattutto raggiungere una piacevole sensazione di relax in breve tempo.

Come già accennato in precedenza, tutti questi disturbi dopo aver smesso di fumare sono normali e passeggeri, non devi preoccuparti, cerca piuttosto di tenere a mente che non devi fare più passi indietro, ora che sei libero dalla nicotina, questi sono piccoli effetti collaterali del tutto sopportabili; un altro sforzo e non dovrai più preoccuparti di nulla!